Coco

Sabato 24 febbraio 15.00coco
Domenica 25 febbraio 15.00

REGIA: Adrian Molina, Lee Unkrich
PRODUZIONE: Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures

Animazione, Family, Musicale (109 Min)
REGIA: Adrian Molina, Lee Unkrich
PRODUZIONE: Pixar Animation Studios, Walt Disney Pictures
Coco ci porta in un variopinto villaggio messicano, animato dai preparativi per il Dìa de Muertos e dalla musica delle orchestrine che inonda le strade. Il dodicenne Miguel (Anthony Gonzalez nella versione originale) vorrebbe immergersi nei festeggiamenti strimpellando la sua chitarra sconquassata, ma sulla famiglia Rivera aleggia una maledizione che impedisce ai componenti di imbracciare strumenti musicali. Il divieto, imposto decenni prima dalla bisnonna Imelda, non riesce a tenere Miguel lontano da corde e arpeggi. Né lo frena dal venerare e imitare le melodie del suo cantante preferito, il leggendario Ernesto de la Cruz. Destinato a raccogliere l’eredità familiare ed entrare nel business delle calzature, il ragazzino preferirebbe incorrere nell’ira degli antenati piuttosto che incollare suole e lucidare scarpe per la vita. Così, nel giorno della festa che celebra i defunti, trafuga la chitarra magica appartenuta al suo idolo e finisce in una dimensione tanto fiabesca quanto misteriosa. Il mondo dei morti appare come una gigantesca metropoli verticale: collegata da tram, regolata da uffici e sportelli, e popolata da arzilli scheletri luccicanti. Miguel lo visiterà con la guida dell’affascinante spirito Hector (Gael García Bernal), alla scoperta del segreto che si cela dietro alla sua famiglia.
CRITICA DI COCO:
Sommersi dai sequel che stanno annacquando quello che la Pixar rappresentava fino a una decina d’anni fa, è comprensibile ma non perdonabile commettere l’errore di lasciar affondare Coco nel pregiudizio. Polemiche commerciali o razziali si sciolgono nell’arco di cinque minuti, lasciandoci con un racconto sentito, una costruzione cinematografica che travalica i paletti (autoimposti) dell’animazione ad alto budget attuale, e una cura stupefacente del dettaglio narrativo ed estetico. In altre parole, un vero film Pixar, che si commenta solo dopo essersi ripresi dal primo, potente impatto emotivo. (ComingSoon.it)
CURIOSITÀ SU COCO:
Una delle tradizioni della Pixar è sempre stata quella di proporre un cortometraggio da lei prodotto come introduzione al nuovo film. Con Coco questa consuetudine è venuta meno, perché a precedere la proiezione in sala è stata scelto la Disney con Frozen Le avventure di Olaf, preludio a Frozen 2.
Guarda il trailer

 

Be Sociable, Share!