Lo schiaccianoci e i 4 regni

Sabato 29 dicembre ore 15.30schiaccainoci
Domenica 30 dicembre 15.30-17.30
di Lasse Hallström, Joe Johnston
con Keira Knightley, Mackenzie Foy

di Lasse Hallström, Joe Johnston
con Keira Knightley, Mackenzie Foy, Misty Copeland, Helen Mirren, Morgan Freeman
Avventura, Fantasy (99 min.)

UNO SPETTACOLO PER GLI OCCHI, MA NON SOLO: A RIEMPIERE SCENE E COSTUMI C’È UNA BELLA AVVENTURA, TUTTA AL FEMMINILE.
Come ogni vigilia di Natale, la famiglia Stahlbaum si riunisce nel grande salone di casa Drosselmeyer per fare festa. Ma è una vigilia triste per Clara e i suoi fratelli, perché la loro mamma, Marie, è morta da poco. Prima di avviarsi alla serata, il padre consegna i regali che la moglie ha lasciato loro: è così che Clara riceve in dono uno strano scrigno, chiuso a chiave. Ed è cercando la chiave, rubata da un topo, che si ritroverà in un paese magico e, con l’aiuto dello Schiaccianoci Phillip, dovrà combattere per riportare l’armonia tra i quattro regni che lo compongono.

Due forze muovono il mondo, sembra dire il copione di Ashleigh Powell: una è una forza fisica, su cui opera la meccanica, e in un certo senso anche la meccanica del corpo nel balletto, l’altra è una forza psicologica, si chiama coraggio, e su di essa occorre fare leva quando la vita diventa difficile.

A contenere entrambe le forze è il personaggio di Clara, che fa la sua comparsa per la prima volta in questa riscrittura della favola originale, quasi un suo sequel; ma, più in generale, è il film nel suo complesso a catturare anche perché costruito come un ingranaggio, un percorso attraverso ambienti diversi ma ugualmente fedeli, visivamente, al tema del movimento meccanico, che sia quello cartaceo del pop-up o quello degli oggetti a molla.

Di tutte le principesse o recenti eroine dei film Disney, Clara richiama alla mente più di tutte l’Alice di Tim Burton, giovane condottiera alle prese con creature dalle fogge e dalle dimensioni carnevalesche, ma dietro il mistero della chiave e gli ingranaggi dell’orologio c’è anche il viaggio nel meraviglioso cinema delle origini di Hugo Cabret, ci sono suggestioni visive provengono dalle Cronache di Narnia e altre, fortissime, dal Mago di Oz. Eppure non è un citazionismo ingombrante, quello de Lo Schiacchianoci e i Quattro Regni, ma un modo di inserirsi volontariamente dentro un certo immaginario, classico ma in movimento: un repertorio che, con l’aggiunta del giusto peso in più, può sortire nuove magie filmiche.(mymovies.it)

Guarda il trailer

Be Sociable, Share!